HOMEPARKING

Concorso Public Design Festival - duepercinque contest: progettazione di un intervento su un parcheggio urbano (2x5mt). 2009

 

“Un tragitto è sempre tra due punti, ma lo spazio intermedio ha preso tutta la sua consistenza e gode di un’ autonomia come di una direzione propria.” (G. Deleuze, F. Guattari, 1987).

Nello scenario sopra descritto, HOMEPARKING si pone come rappresentazione emblematica del neo nomadismo contemporaneo, condensando la metafora dell' uomo-uccello migratore nello spazio temporaneo per eccellenza: il parcheggio. La casa-parcheggio per l’uomo-migratore simboleggerà lo spazio urbano, come diciamo noi, ‘addomesticato’. Un involucro a forma di casa occuperà la sagoma dell’area di parcheggio ‘monouso’ e sarà uno spazio di occupazione temporaneo ed a fruizione limitata nel tempo.

Come scatole cinesi, la casa nella città e il parcheggio nella casa, questo nuovo territorio urbano personalizzabile sarà un' occasione di caratterizzare un momento di aggregazione o riposo per raccontare una serie di episodi personali ogni volta differenti nella fruizione della città.

Alla stregua di un vero e proprio spazio di sosta, la fruizione di HOMEPARKING sarà dunque soggetta, in maniera simbolica e allo stesso tempo provocatoria, al pagamento di una somma in denaro. Le persone saranno invitate ad entrare e potranno utilizzare lo spazio a loro disposizione come meglio pensano.

 

Designers

Francesca Mistrangelo, Roberto Monte, Melina Novello, Michela Ricciotti, Gianni Verna.